Vogliamo una nuova primavera

Siamo pi avanti che mai ma molto abbiamo da fare

Effettua il login
Rubriche
Vogliamo una nuova primavera
Siamo pi avanti che mai ma molto abbiamo da fare

21-03-10 Santa Rita

Giochiamo con gli stessi limiti della partita precedente ma la bravura e la fortuna ci permettono di far bastare il golletto di roby conquistato in mischia su calcio da fermo battuto da gregorio. Giochiamo bene il primo tempo senza riuscire però a sfruttare la fascia destra e la superiorità numerica determinata da un fallaccio che ci azzoppa paolino. Era partita vera e maschia quella che ci avrebbe aspettato. Non ci siamo sintonizzati al 100% e per tutti i novanta minuti ma non era da sottovalutare la difficolta mentale di saper gestire un'occasione storica per la prima salvezza della nostra società. Ottima come sempre è stata la difesa, in crescita giacomo e andrea. Si conferma stefano fino alla fine. Nico Sigrisi raggiunge il record del veterano e consegue la salvezza che non fece in gioventù. Tutti lottano con grinta e un pizzico di fortuna ci permette di festeggiare un risultato grande. A centrocampo, a fine partita, ci si è complimentati da uomini veri, sereni e forti. Continuiamo a lavorare per quel gioco che alla domenica spesso non interpretiamo ancora. Stiamo preparando il campionato 2010-11 con serietà e affetto per la propria maglia. Le inesperienze diminuiranno, le sicurezza cresceranno. Siamo sempre noi e anche quest'anno abbiamo continuato a vincere. Il risultato finale ci ha premiato.

17-03-10 ATM Satti

Non abbiamo la personalità sufficiente per portare a casa i tre punti. E' un altro pareggio, per 2 a 2, che ci lascia ancora più arrabbiati di domenica. Giochiamo bene il primo tempo, lasciando pochissimi spazi e concludendo con convinzione. Al momento in cui gli avversari si sbilanciano in avanti, nel secondo tempo,  non siamo però capaci di colpire con freddezza e determinazione. Troppi personal dei nostri attaccanti vanificano il grande lavoro fatto nel mezzo e dai difensori. Veniamo puniti da due tiri da fuori che rimbalzano entrambi sul terreno senza che il nostro portiere riesca a bloccarli. Due tiri fatti giusti da un'unico avversario garantiscono loro  il pareggio. Questa partita conferma le grandezze e i limiti attuali della nostra squadra. Il fatto che il mister continui a martellare per il futuro non è stato rigettato ma è lento a digerirsi. Un plauso convinto alla prestazione della difesa , un grazie al nostro portiere e un incitamento a tutti affinchè con modestia, e sicurezza al tempo stesso, tutti considerino determinante ogni propria giocata. Il  nostro futuro possiamo costruircelo lavorando in settimana e  migliorando partita per partita. Rispetto a domenica siamo migliorati e chi ancora non è ai livelli che vorrebbe avrà ancora il tempo per dimostrare le proprie voglie e il proprio impegno. A furia di piccoli passi stiamo raggiungendo l'obiettivo finale della salvezza ed è ottima cosa che, in questa stagione  che è stata difficile assai,  molti siano i motivi di autocritica che ci animano. Molti sono vivi e vitali, speriamo il gruppo intero continui ad avanzare sulla strada giusta.

14-03-10 River Mosso

E' stato un pareggio combattuto e sofferto. La nostra difesa, supportata dai due centrali, ha retto benissimo le pressioni degli attaccanti del River Mosso. In avanti invece abbiamo fatto troppo poco non ostante ce ne fossero le condizioni. Ne esce quindi un 1-1 che è un punto pesantissimo per la nostra salvezza ma che lascia insoddisfatti molti di noi, forse tutti. I nostri ragazzi hanno un comportamento disciplinare ottimo come al solito e alcune sbavature arbitrali non incidono ulteriormente sulla partita. Un plauso grande va a tutti quei giocatori che hanno passato un inverno difficile e stanno dimostrando di avere la forza necessaria per raggiungere la salvezza. In settimana giochiamo molto meglio e dobbiamo aggiungere applicazione e umiltà per raggiungere risultati che possiamo conseguire. Mentre la nostra inesperienza a volte ci ha fatto pagare prezzi pesanti, oggi dobbiamo solo esaminare il match da un punto di vista tecnico. Correggere limiti ed errori palesati oggi ci è sicuramente possibile. Il sole e la primavera sono forse arrivati e stiamo comunque lavorando da settimane a un'annata che non sia di vivacchiamento ma con ambizioni forti. Queste ambizioni devono essere accompagnate da modestia, applicazione e consapevolezza che ogni giocata ha una sua importanza. Stiamo cercando di imparare a  battere anche quelli più forti di noi. E' un passaggio difficile e importante, di crescita vera. Stupendi oggi sono stati fabio e simo, veramente decisivi. Il goal di paolino, e la sua esultanza, sono il lato positivo e negativo di dove siamo oggi. Non abbiamo avuto cedimenti di fronte a grandi difficolta. Abbiamo le energie e le motivazioni per crescere ancora. Possiamo diventare competitivi, sempre, anche in seconda categoria.

03-03-10 Borgata Lesna

Abbiamo giocato al mercoledi,  in condizioni estreme, il recupero con il Borgata Lesna. Abbiamo preso 3 goals, facendone solo 1, e abbiamo preso tanta acqua. La partita è stata netta. Alcuni dei nostri hanno giocato ottimamente, altri con scarsa capacità di adattamento alla situazione. Queste sono partite che non mentono e la scelta di allargare il numero dei giocatori coinvolti, concedendo le giuste chances a chi domenica era in panchina, non è stata premiata dal risultato. Bravissimi sono stati i nostri avversari, egregio l'arbitraggio. Potevamo fare meglio e di più. La partita si è svolta con una serie di continue sorprese e alcune nostre, negative, sono causate da esempi di insufficiente "professionalità" che dovremo affrontare. Abbiamo via via perso l'opportunita di utilizzare per influenze e infortuni: simo nel riscaldamento, dario alla prima azione, robi nel riscaldamento a bordo campo, edi ritiratosi nell'intervallo, alessio infortunato al 1' minuto del secondo tempo. Questo lungo elenco non è assolutamente valido come scusante in quanto alcune di queste defezioni hanno nostre colpe e, non ostante la situazione pessima, avremmo potuto tenere la testa più sveglia non concedendo i due  goals su calcio da fermo. Avremmo anche potuto prevalere ma l'ingresso in campo nel secondo tempo ha gravemente compromesso la situazione: due goals in cinque minuti. Dopo molti hanno lottato, anche l'ultima azione era nella loro area picccola,  ma la chiarezza delle idee di tutti,  e la fame di alcuni, non erano sufficienti. La partita di oggi ci consegna la più bella prestazione dei due attaccanti, giacomo e paolino, che abbiamo mai visto. L'apporto sulle fasce non è stato sufficiente ma che in queste condizioni i migliori siano stati loro due mi fa molto piacere. Da evidenziare sono  anche i 90' di alessandro, idonei alla partita, giocati a 39 anni e la sperimentazione positiva di marco nel ruolo di libero.

Alcune delle questioni emerse alla nostra attenzione oggi sono in realtà carenze evidenziate  da lungo tempo e su cui i singoli devono lavorare per rientrare a pieno titolo nel gruppo di quelli competitivi. Buono il comportamento disciplinare in tale situazione estrema, ottima la speranza di futuro che deriva dal fatto che i migliori, calcisticamente parlando, hanno motivazioni solide.

28-02-10 Excelsius

E' sul vecchio campo del Certezza, in strada del Gerbido, che i nostri ragazzi compiono l'impresa di questa stagione. Nell'ultimo quarto d'ora, 4 minuti dopo essere rimasti in inferiorità numerica per una doppia, discutibile, ammonizone di miky,  robi punta avversario e libero, paolino tocca e fa velo a giacomo che con una zampata bassa fa rotolare in porta insieme agli avversari e la palla anche i nostri sogni di salvezza. Dopo che paolo ha abbrancato in area le ultime punizioni degli avversari, abbiamo ancora trovato la baldanza per sfiorare la rete con stefano e finire in attaco questo scontro diretto. Ci stacchiamo, con questi tre punti, da un gruppetto numeroso che ormai sta alle nostre spalle. E' stata una partita che poteva finire con qualsiasi risultato anche se la convinzione e l'unità dei nostri ragazzi sono stati immediatamente percepiti dal momento del nostro arrivo sino al triplice fischio finale. In certe fasi abbiamo giocato bene come raramente e in realtà abbiamo sbagliato occasioni da goal in una quantità che poteva costarci cara. Siamo ragazzi, siamo inesperti, ma abbiamo una compattezza e un'unita che, come spesso è capitato in passato, ci ha permesso, anche nel 2010, di raggiungere obiettivi che a molti potevano sembrare improbabili a settembre e impossibili dopo la serie di sconfitte del mese di novembre. Alcuni oggi hanno giocato finalmente sui loro livelli migliori con fabio migliore in campo; si sono confermati i giovani alessio e marco; tutti quanti dobbiamo dire un grazie caloroso al nostro portiere che senza esitazioni si è assunto responsabilità consistenti in questi mesi invernali. Tali responsabilità sono state condivise oggi, con successo, da 17 giocatori, compeso alessandro, convocato a sorpresa. La mia stima e  gratitudine a questo gruppo sono note. In questo inverno abbiamo vissuto un momento meraviglioso di questa nostra società e di questa nostra esperienza.  Non solo non abbiamo staccato la spina, non ostante la lunga sosta, ma anzi abbiamo cominciato a consolidare le  nuove motivazioni e più avanzate modalità di gioco.  Si vedra nel tempo il raccolto di quanto silenziosamente seminato. Il grande impegno invernale meritava questo primo ristoratore successo dell'anno. Giovedi sul nostro campo del lancia e nel nostro spogliatoio abbiamo trovato le determinazioni necessarie e quell'unità che puo fare spesso la differenza. Siamo pronti a giocarci in settimana con il borgata lesna la prossima finale. Siamo convinti di raggiungere la salvezza matematica e vogliamo una nuova primavera.

21-02-10 Centrocampo al Lancia

E' stato un pareggio gagliardo e coraggioso dove la nostra esperienza era sufficiente solo per questo risultato. Abbiamo avuto la gamba e le occasioni per riuscire a vincere ma ci e mancato qualcosa. Nel primo tempo, avessimo alzato il ritmo delle giocate, eravamo riusciti a sorprendere un forte Centrocampo e avremmo potuto chiudere in vantaggio. Nel secondo tempo, dopo il loro pareggio, si erano aperti varchi enormi che non abbiamo saputo riempire di contropiedi sufficientemente ragionati. La partita non è stata bellissima tecnicamente ma ottima per gagliardia e correttezza dei giocatori. L'arbitraggio, non facile, è stato buono. La risposta che ci ha dato il campo e incoraggiante e accellera riflessioni imoprtanti per disegnare il nostro percorso futuro. I 12 del marino stanno aumentando e la solidità del gruppo può anche quest'anno diventare decisiva. In settimana cresciamo con costanza e intelligenza; l'esperienza non ci permette ancora di essere altrettanto efficaci la domenica ma la strada che abbiamo imboccato è meravigliosamente giusta. L'orgoglio di squadra oggi si è visto e raramente il mister ha usato parole così esigenti in un intervallo. L'orgoglio dei singoli, non ancora sufficienti nel rendimento,  è stato stimolato in modo opportuno e credo fecondo dalla prestazione dei compagni. Molte attese, molti defilamenti,  erano sbagliati ma solo ora possiamo confrontarci. Ora che la squadra di ragazzi non solo è sopravvissuta, ma addirittura sta costruendo futuri migliori, va il mio plauso caloroso a chi, in questo difficile inverno, ha saputo lavorare, crescere, migliorare. Il punto di oggi vale e il fatto che siamo insoddisfatti di un pareggio con chi lotta per la promozione è una dimensione nuova  che ci conforta. Il fischio finale ci ha fermato in attacco e questo mi ha fatto molto piacere. La primavera potra dare premi individuali importanti. Compito di ognuno di noi è far diventare presto produttivi e risolutivi, collettivi e non individuali, gli sforzi intrapresi. La salvezza stasera è  più vicina ma il coraggio e la fame di oggi devono accompagnarsi a una gestione più lucida e intelligente della partita. Stiamo lavorando bene, continuiamo a farlo.



Scritto da nanus
Commenti
Non ci sono commenti a questo articolo.
Per poter scrivere un commento necessario essere registrati ed effettuare il login
Powered by BitCharge
Strumenti
Stampa articolo
Invia articolo