Stiamo crescendo

La nostra squadra di ragazzi si confronta con nuove esperienze

Effettua il login
Rubriche
Stiamo crescendo
La nostra squadra di ragazzi si confronta con nuove esperienze

25-10-09 River Mosso in Via Cavagnolo

Tre sconfitte di seguito senza segnare è un avvenimento senza precedenti nella storia di questa squadra. Ottima cosa è che non ci ha preso il panico. Abbiamo perso con dignità da un river mosso che ha meritato di vincere. Nel loro gioco sono stati efficaci e precisi. Avevano una motivazione maggiore della nostra e nei loro occhi si vedeva la voglia di vincere , mentre nei nostri c'era molta incertezza. Abbiamo finito meglio di come avevamo cominciato a riprova di riscaldamenti distratti. Non siamo stati capaci di tenere la squadra corta e di essere aggressivi quanto il campo di via cavagnolo richiedeva. Con la palla al piede siamo stati poco chiari e la conclusione ricercata con poche varianti e insuffciente lucidità. Abbiamo pagato duramente su palle inattive anche se alla difesa poco si deve oggi imputare del risultato negativo. Complimenti ai nostri avversari che tra l'altro sono stati corretti: il miglior river mosso che abbia mai visto e con un affiatamento considerevole. Avevo sbagliato la settimana scorsa a definire immutate motivazioni e volonta di impegno ? Il risultato sembrerebbe certificare lo sbaglio. Credo invece che una squadra abbia i suoi tempi e che aver giocato male non e dimostrazione di disimpegno o di scarse motivazioni. Non sono mai stato indulgente con la squadra ma oggi credo si tratti di andare avanti sulla strada già imboccata senza alcun dramma. Siamo giovani ed è giusto dare i tempi necessari a che maturino condizioni di solidità e di futuro. Ciò che dobbiamo migliorare l'abbiamo capito ed è meglio questa situazione di quando si è vinto senza una opportuna percezione di ciò che non andava. Coraggio ragazzi, tiriamo su le maniche, guardiamoci in faccia, comunichiamo con sincerità. Affrontiamo questa nuova sfida con il coraggio che merita la nostra storia e la nostra maglia.

18-10-09 Vianney al Lancia      VAI ALL'ALBUM

Che sorbole, ragazzi! Ne abbiamo prese 4, due per tempo. Luca e ivo, estremi difensori, sono stati tra i pochi a giocare all'altezza delle loro capacita. Per la sua eccezionalità questa partita andrà analizzata tutti insieme ma credo che l'emotività abbai fatto un brutto scherzo ai nostri ragazzi. Mancanza di attenzione, fame e determinazione hanno caratterizzato la partita. Siamo stati timorosi e non all'altezza della partita. Il protagonimo dei singoli ha slittato sull'individualismo sterile. I più giovani si smarriscono e i più esperti non riescono a reinquadrarli. Il comportamento disciplinare però è stato perfetto pure in questa inaspettata circostanza.  Non abbiamo così festeggiato come sarebbe stato giusto la presenza in campo di alessandro, competitivo a 39 anni.  Si cresce anche nelle sconfitte. Quella di oggi è stata proprio brutta ma un gruppo con le nostre ottime qualità morali nulla ha da temere e tutto ha da conquistare. Questa partita è un crocicchio importante e non solo ribadisco sereno che le nostre motivazioni e il nostro impegno sono immutati, ma anzi credo proprio siano cresciute. Domenica andiamo al River Mosso.

15-10-09 Centrocampo al Bagneux       

Perdiamo bene e non è poco. I comportamenti umani e disciplinari sono positivi nel momento più difficile, dopo una strepitosa serie di vittorie. Perdiamo di misura su un calcio di punizione battuto egregiamente. Siamo nella loro metà campo fino alla fine e, dopo il fischio,andiamo a salutare i nostri tifosi a testa alta. La nostra capacità di leggere la partita e di interpretarla di conseguenza non è stata sufficiente di fronte alla loro lucidità. Abbiamo giocato meglio di domenica, cominciando a correggere errori importanti, ma la fame del Centrocampo di oggi non ammetteva nessuna sbavatura. La nostra fame non era adeguata a una finale di questa importanza e anche il pareggio, meritato,  ci è precluso non ostante le moltecipli occasioni. Di positivo si può segnalare anche le numerose conclusioni da fuori e il crescere di alcuni ragazzi che passano una tappa importante correggendo i limiti di domenica. Il carattere della nostra squadra non esce indebolito dalla partita di oggi. Nulla cambia nelle nostre motivazioni e nel nostro impegno.

11-10-09 Excelsius al Lancia      

Il secondo goal, a quattro minuti dal termine, legittima la gioia di questa nuova vittoria. Pressing di andrea, fuga di paolino e assist in centro area, conclusione rasoterra di giacomo.  Abbiamo invero giocato maluccio ma nulla si deve rimproverare pubblicamente a una matricola che centra la quinta vittoria consecutiva, mantenendo l'imbattibilità casalinga della propria porta. Complimenti quindi ai nostri ragazzi che hanno superato una domenica assai insidiosa. Non siamo stati capaci di giocare palla a terra, a utilizzare le fasce come avremmo potuto, a concludere con continuità anche da fuori. Abbiamo però giocato con la solita attenzione e con il solito magnifico cuore.   Il centrocampo non è  riuscito a esercitare la propria forza con continuità; le nostre punte hanno trovato un paio di spunti che significano vittoria; la difesa si è confermata su ottimi livelli e costituisce la certezza maggiore che siamo riusciti a produrre in queste prime settimane.  La domenica era assolata e spettatori e tifosi assai numerosi. Spiace non aver garantito uno spettacolo adeguato ma non si può chiedere tutto ad una squadra giovane ed inesperta come la nostra. L'importante è che il gruppo continua a crescere e che chi è entrato dalla panchina ha garantito la vittoria finale. I nervosismi dell'Excelsius non ci hanno coinvolto e usciamo anche oggi dalla partita con zero ammoniti. Beppe è andato in goal per la quinta domenica consecutiva e ha festeggiato la circostanza con una sostituzione e una litigata che continuano a far crescere. I nostri tifosi, senza sapere i risultati degli avversari, hanno intonato entusiasticamente e prematuramente il coro più bello e pericoloso: "Salutate la capolista ... " ci ha accompagnato all'uscita. Ora, a mente fredda, spero che tutti lo archivino in un bell'angolo della memoria e tirino fuori, nuovamente, la fame giusta. Quella di un gruppo che sta costruendo una stupenda esperienza e un'ottima annata ma che sa che nulla abbiamo raggiunto e che la partita prossima può essere più bella e importante di quella passata.  Sforziamoci di giocare meglio conservando questa attenzione operaia che fin qui abbiamo avuto. Testa sul collo e modestia sono le parole d'ordine di questa settimana. Voglia di crescere  nel nostro gioco e divertirsi siano gli obbiettivi immediatamente prossimi.



Scritto da nanus
Commenti
Non ci sono commenti a questo articolo.
Per poter scrivere un commento necessario essere registrati ed effettuare il login
Powered by BitCharge
Strumenti
Stampa articolo
Invia articolo